Caricamento Eventi
Dopo l’esperienza di Chernobyl, quest’estate siamo capitati in un altro luogo poco conosciuto ma molto bistrattato: la Transnistria. Questa lingua di terra autodichiaratasi indipendente dalla Moldavia, è definita dai mass media l’ultimo baluardo del comunismo in Europa nonché una “no man’s land” in cui prolifera criminalità di ogni genere…ma è davvero così? Monica Consonni e Mattia Pozzi racconteranno per immagini il loro viaggio tra Chisinau (capitale moldava) e Tiraspol.
_IMG8368 _IMG8585 _IMG8592